Racconto di un Natale… a Roma

natale a roma Oggi entriamo in dicembre e non si può più far finta di niente: il Natale è alle porte!
Tralasciando crisi economico/politiche l’unica cosa che ancora dà un senso a questa festa pseudo-consumistico-religiosa, sono le tradizioni, e questo racconto descrive perfettamente le tradizioni della tipica, estesa, caciarona, famiglia Romana. Autore sconosciuto (magari si facesse avanti!).

Vi avviso che il gergo utilizzato è quello Romano “molto colorito” e che ad alcune persone più sensibili potrebbe sembrare offensivo… in quel caso astenetevi dalla lettura.

Er Natale. Ebbene sì, stanno ad arrivà le feste de Natale! So tutti contenti, so tutti felici, so tutti più boni… ma a me me rode er culo e divento ancora più stronzo, si è possibile.
A Natale te se riempe la casa de parenti, zii, zie, cugini, cugine, nipoti, nonni, pro zii, pro zie, de tutto, gente che vedi solo pe 2 motivi: le feste o i funerali. Tocca mettese i cartellini sul petto pe
ricordasse i nomi!

Insomma se comincia er 24 dalla mattina appena me arzo, mi madre parte co la tiritera: scenno, manco me siedo pe fa’ colazione che parte la lagna “ricordate che er 24 è vigilia, quindi er 24 pesce”, me la guardo ancora nel sonno e je dico “a mà, sto a fà colazione, posso magnà i biscotti o devo inzuppa na spigola nel latte?!”, ma poi chi cazzo l’ha deciso che er 24 è pesce? Perché si me magno na salsiccia a chi cazzo do fastidio? Sta cosa nun la sa nessuno, ma è così…

Insomma a casa ce sta n’armata de affamati, gente che pare che non magna da na vita, aspetteno er Natale cor veleno, da metà Novembre stanno a insalatine pe nun rovinasse l’appetito, insomma oramai a casa mia non fanno più la spesa, al dettaglio. L’anno scorso hanno preso 123 mq de mediterraneo e 83 mq de mar baltico, te dico solo che mi nonna stava pe infarinà e frigge er capitan findus, sto cojone, co’ quel cazzo de peschereccio azzurro, se trovava a passa’ nello spazio de mare che s’eravamo comprati. C’è gente che conosce i peggio trucchi: de solito a cena dopo un par de portate se slacceno la cinta, mi zio l’anno scorso pe incula’ i parenti s’è presentato in tuta, così non comprime e pò magna’ de più!

Insomma la cena scorre, se finisce de magna’ ed è l’ora de li regali. In tutte le famiglie ce sta quella che vole fa’ l’istruita ma che ha fatto la seconda elementare pe’ puzza, e senti tipo mi zia che da il regalo al marito della sorella e je dice “…tieni un bel CARDIGAN…” che mi zio c’aveva paura fosse un cane da riporto del Caucaso, ha aperto col terrore, poi co un sospiro je fa “…ah, un maglione coi bottoni, m’ero preso na paura”. Sempre lei è quella che fa i regali impegnati ai nipoti: viene e te fa “…tieni un bel libro, che la cultura è importante…” ed io “… si zì, sarà pure importante, ma si me
regali “I 3 moschettieri” che c’ho 35 anni che cazzo de cultura voi che me faccio…”. Ma la cosa più bella che va contro tutto quello che ce viene detto in televisione so’ i regali della nonna. So’ anni che sentimo dì che co’ l’euro tutto è aumentato, quelle che erano 5 mila lire mò nella nostra mente so 5 euro… si er cazzo che te se frega, mi nonna me regalava 50 mila lire prima, mo uno se aspetta 50 euro? No! Te se presenta co un pezzo da 20, un pezzo da 5, 50, 20 e 10 centesimi, che te verrebbe da daje na sediata… mi nonna è la vera risposta italiana al problema euro…
La gente se ne va a casa, ma er peggio deve ancora veni’…

Er peggio è il 25. La notte io nun ce dormo, so’ teso, impaurito. I preparativi pe’ il 25 partono dall’immacolata, se riuniscono le donne e se mettono a decide: che famo, che nun famo, agende co’
le ricette, idee, puntate registrate della prova del cuoco. Poi alla fine se finisce sempre a magna’ le stesse cose.
Te alzi la mattina, entri in cucina e le vedi lì, manco stessero a sperimenta’ la fusione a freddo. Appena provi a entra’ te fanno “CHE VOI?!” “…niente che vojo, un bicchiere d’acqua…” “no aspetti”… manco i vietcong ereno così. Poi pare sempre che è successo qualcosa, so’ tutte co la faccia disperata, te spaventi, ce stai male e domandi “… che è successo?” “…lascia stà… ” “come lascia sta? vojo sape’! Se so cose della famiglia ho il diritto de sapello”… te guardano co la faccia
distrutta e te dicono “… la besciamella ha fatto i grumi!”. MA ANNATEVENE A FANCULO VOI E I GRUMI!

Da 30 anni er 25 c’ha er menu fisso, e non solo quello… la cosa peggio che po’ accade è il doppio
tavolo: uno pei grandi e uno pei piccoli. Dava ar cazzo da ragazzino, ma adesso me fa proprio smadonna’! L’anno scorso se semo ritrovati al tavolo che er piu’ piccolo c’aveva 25 anni. Gente che è ita in guerra, gente co 2 divorzi, però sei sempre relegato al TAVOLO DEI PICCOLI. L’unica cosa è che da 2 anni a sta parte ce danno pure i coltelli.
Se magna e noti che er fratello dello zio che er 24 c’aveva la tuta s’è presentato co la tunica che ha inculato a un lavavetri al semaforo. Sotto è rigorosamente nudo (che le mutande segano) e c’ha la faccia contenta… hai capito si che stratega! Er Bonaparte del colesterolo…

Er pranzo finisce, se contano i superstiti, se sparecchia, se lavano i piatti e poi… e poi se gira er mollettone e da bianco diventa verde: se comincia a gioca’ a carte!!! E a che se gioca, a sette e mezzo? NO! Se gioca a BESTIA!!! Er gioco dell’infamità, tutti contro tutti.
Er tipico momento arriva co un piatto de na quarantina de euri: comanda coppe, te c’hai er 3 secco… bussi… sei de mano, te senti un leone… bussa solo tu nonna… te dici”… nonna me vo’ bene… m’ha cresciuto… sto tranquillo” cambi 2 carte, non t’entrano altre briscole ma t’entra un carico, un po’ de paura ce l’hai ma ostenti sicumera. La vecchia non deve intravedere il minimo turbamento in te, so’ come i cani, sentono si c’hai paura. Parti, lanci er carico a denara, tu nonna te lo magna, col 2 de coppe, cominci a suda freddo… e te dici “…no, nun ce lo pò avè, no, nun me pò dì così sfiga…” e invece che fà? Cala er coppone! Poi co lo sguardo finto dispiaciuto te dice “…è il
gioco” te butti er 3 smadonnante, non contenta butta er 5 a spade che te c’avevi er 4. Insomma tu nonna, t’ha mannato in bestia! M’ha fermato mi padre appena in tempo, je la stavo pe da na lamata. E che cazzo, già me fai i regali del cazzo, poi te li ripii pure… poi dici li metti all’ospizio.

Giocando giocando se fa ora de cena, parte la domanda retorica: “qualcuno cena?” e c’è gente che
ancora c’ha er coraggio de di de si. Poi che vordì sta divisione cena-pranzo-cena? Io so sicuro che l’anno scorso mi zio s’è messo a sede’ er 24 e s’è rialzato er 2.
Arriva l’ora de salutasse… e parte la solita frase “… se vedemo troppo poco, tocca organizza’ più spesso…” vedi tu nonno che se fa 2 conti e dentro de sè dice “… aò, contando che er Natale vie’ na volta l’anno… la prossima occasione
deve da esse….”
Ed è allora parte un sonoro ANNATEVENE UN PO’ AFFANCULO!

Che bello er Natale in famiglia… (A Roma, n.d.r.)

Info su 

Appassionato di tecnologia e programmazione. Attualmente ritirato alla vita bucolica in Umbria

12 Responses to “Racconto di un Natale… a Roma”
  1. Fausto 3 dicembre 2007
  2. SimoneRodriguez 5 dicembre 2007
  3. Fausto 5 dicembre 2007
  4. Fausto 5 dicembre 2007
  5. SimoneRodriguez 5 dicembre 2007
  6. fausto 6 dicembre 2007
  7. SimoneRodriguez 6 dicembre 2007
  8. simleon 7 dicembre 2007
  9. piranha 7 dicembre 2007
  10. SimoneRodriguez 7 dicembre 2007
  11. elezero 8 dicembre 2010
  12. onoranze funebri roma 11 gennaio 2013

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *